Rivivi l'evento ROSE!

Rivivi l'evento ROSE!

Guarda il video
Best Practice

Affective Computing: riconoscere le emozioni con l’AI

Scopri come l'Affective Computing può creare nuove interazioni digitali, rendendole più naturali e coinvolgenti attraverso il riconoscimento delle emozioni.

CHE COS’È L’AFFECTIVE COMPUTING?

L’Affective Computing, noto anche come Emotion AI, riguarda lo sviluppo di sistemi in grado di riconoscere, interpretare, elaborare e simulare i sentimenti e le emozioni umane.

Interpretare le emozioni e rispondere coerentemente

I sistemi di Affective Computing sfruttano modelli di Machine Learning per la classificazione delle emozioni attraverso l'analisi di video, voce e testo. Questa tecnologia consente di riconoscere i sentimenti durante una conversazione (ad esempio rabbia, disgusto, paura, gioia, tristezza e sorpresa) e, applicata a robot umanoidi e Digital Humans, permette loro di comprendere e rispondere alle emozioni dell'interlocutore in modo più coinvolgente e naturale. Grazie all'Affective Computing, robot e Digital Humans possono così adattare le loro risposte e reazioni in base all'atteggiamento emotivo dell'interlocutore, migliorando così l'interazione e la comunicazione.

I CASI D’USO

Dai digital human ai robot

Le applicazioni che Reply sta sperimentando nell'ambito dell'Affective Computing sono volte ad abilitare interazioni uomo-macchina più naturali e coinvolgenti. Ecco due esempi di questa tecnologia in azione.

Picture

Ameca, il robot umanoide

Ameca è un robot umanoide estremamente avanzato. Grazie all’Affective Computing, offre un'esperienza estremamente realistica, reagendo ai mutamenti di espressione, variazioni nel tono di voce e cambiamenti nel linguaggio durante l'interazione.

Picture

Rose, il digital human

Rose è l'assistente digitale di Reply esperta di tematiche tecnologiche. Grazie all’Affective Computing, è in grado di adattare le risposte in base alle espressioni facciali, variazioni nel tono di voce e cambiamenti nel linguaggio dell'interlocutore, migliorando così l'interazione.

Verso il Deep Affective Computing

Il prossimo passo dell'Affective Computing è il Deep Affective Computing. Questo sistema utilizza un modello cognitivo composto da sette agenti, ciascuno specializzato in una singola emozione, che propongono soluzioni agli stimoli ricevuti. Successivamente, un agente matematico deterministico media tra le sette soluzioni per mantenere l'equilibrio del sistema e fornire risposte adeguate.

Inoltre, il sistema evolve attraverso l'interazione con l'utente, salvando informazioni come la sua storia, obiettivi ed esperienze. In questo modo si ottiene un sistema cognitivo che, nel tempo, impara a conoscere in profondità l'utente. Questo sistema utilizza infatti le esperienze passate, le preferenze e gli obiettivi dell'utente per fornire risposte personalizzate e rilevanti alle sue domande.

MIGLIORA LE INTERAZIONI DIGITALI

Prova le nostre soluzioni di Affective Computing per ottenere risposte personalizzate e coinvolgenti.

Picture

Machine Learning Reply è la società del gruppo Reply specializzata nel fornire servizi e soluzioni di intelligenza artificiale per guidare i propri clienti verso la digitalizzazione, aiutandoli a diventare più competitivi e guidati dai dati grazie a Smart Analytics, Machine Learning e Intelligenza artificiale. Con esperienza nel deep learning, nella visione artificiale, nella NLP e nella modellazione predittiva, l'azienda aiuta i propri clienti a potenziare la propria attività, fornendo loro team di sviluppo dedicati di grande esperienza.

Potrebbe interessarti anche