BLOCKCHAIN E QUANTUM COMPUTING, AMICI O NEMICI?

Scarica la brochure

SCARICA LA BROCHURE

Prima di compilare il form di registrazione, si prega di prendere visione dell'Informativa Privacy ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n° 679/2016

Input non valido
Input non valido
Input non valido
Input non valido
Input non valido
Input non valido
Input non valido

Privacy


Dichiaro di aver letto e ben compreso l'Informativa Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità di marketing da parte di Reply SpA, in particolare per l’invio di comunicazioni promozionali e commerciali o la segnalazione di eventi aziendali o webinar, con modalità di contatto automatizzate (es. SMS, MMS, fax, e-mail e applicazioni web) e tradizionali (es. telefonate con operatore e posta tradizionale).

Perchè la Blockchain
è sicura

La Blockchain è un registro digitale distribuito, criptato, accessibile simultaneamente dagli utenti che consente la registrazione, la convalida, l’aggiornamento e l’archiviazione di dati, che restano non alterabili, non modificabili e non replicabili.  

La Blockchain è ormai considerata una tecnologia mainstream, ma soprattutto, intrinsecamente, sicura: una struttura dati condivisa e protetta crittograficamente che abilita un rivoluzionario meccanismo di creazione della fiducia che, in una logica di rete, ricade direttamente sugli utenti grazie alla sua architettura tecnologica.

Le piattaforme che utilizzano le tecnologie di
cifratura sono vulnerabili al Quantum Computing

Cosa accadrebbe alla Blockchain se le conoscenze attuali fossero sconvolte da nuovi algoritmi o nuovi computer, con capacità di calcolo che vanno oltre la computer science “classica”, in grado di risolvere il problema di fattorizzazione di numeri interi, anche molto grandi, in qualche settimana, “nello spazio di una notte” se non addirittura in pochi minuti?  

La corsa al Quantum Computing

Sebbene il Quantum Computing sia ancora un tema di frontiera, tra una decina di anni la tecnologia sarà più matura. Presto disporremo di un hardware sufficientemente stabile e potente, utilizzabile per elaborazioni oggi impensabili con i computer classici, e capace di sfruttare a pieno le leggi della meccanica quantistica.

L’affermazione di tale tecnologia sarà definitiva quando i computer quantistici raggiungeranno i 100 qubit. Google attualmente è il più vicino alla meta con il processore Bristlecone da 72 qubit, ma il colosso californiano non è solo.

La Blockchain può comunque essere una tecnologia affidabile e safe anche nell’era della Quantum Supremacy. Per preservarla, bisogna ri-progettarla in ottica post-quantistica con senso di responsabilità e lungimiranza.  

Dove Reply può fare la differenza

Reply da oltre due anni lavora con team multidisciplinari, esclusivamente dedicati al Quantum Computing, per sviluppare algoritmi quantistici e tradurre alcuni algoritmi di machine learning in ottica quantum.
Alla competenza in ambito Quantum Computing, Reply aggiunge l’esperienza consolidata in ambito finance, in rapporto all’utilizzo delle applicazioni Blockchain e all'hardening della sicurezza, al fine di supportare e preparare i propri Clienti all’avvento della rivoluzione quantistica. 

Quantum & Accelerated Computing

Scopri di più