Lavorare e collaborare meglio
grazie alla realtà virtuale

Oggi, nelle aziende di ogni tipologia e dimensione, la giornata lavorativa è sempre più caratterizzata dal decentramento organizzativo. Riunioni a distanza, team di progetto che operano tra sedi diverse, spesso addirittura in più Paesi contemporaneamente e la crescente tendenza a svolgere il lavoro da casa rendono indispensabile ricorrere a soluzioni di comunicazione moderne ed efficienti.

Lo status quo:
la teleconferenza e il meeting online

Da anni la conferenza telefonica rappresenta una forma di confronto a distanza consolidata e ampiamente utilizzata. La sua logica evoluzione è la videoconferenza, in cui i partecipanti sono anche in grado di vedere i propri interlocutori. Ogni utente può avvalersi di questa forma di comunicazione decentrata grazie a software installati sul computer, che consentono fra le altre cose di condividere lo schermo. Tuttavia, molti dei suoi utilizzatori non tardano a riconoscerne i limiti. Per tenere videoconferenze di qualità sono necessari speciali mezzi tecnici installati in locali per conferenze appositamente attrezzati. Inoltre, sia nel caso delle conferenze telefoniche che delle videoconferenze viene meno un elemento fondamentale: l’interattività tipica di un incontro faccia a faccia.

Il futuro:
il virtual workspace

L’utilizzo della realtà virtuale a fini di comunicazione a distanza incontra il crescente favore dei team di progetto. I prezzi dei visori VR sono in costante discesa e l’offerta sempre più ampia di applicazioni standardizzate per sale conferenze virtuali – i cosiddetti virtual workspaces – sono fattori che permettono anche alle piccole imprese di tenere riunioni basate sulla realtà virtuale, con facilità e senza complicazioni. Il dialogo e l’interazione di cui si può usufruire in tale contesto si avvicinano molto a quelli della comunicazione vis à vis, perché nello spazio virtuale si può ricreare per analogia l’ambiente reale, con tanto di lavagne a fogli mobili, post-it ed altre attrezzature simili. Così, in un contesto virtuale, è possibile simulare fedelmente anche i comportamenti abituali.

Prendere decisioni in presenza dell’oggetto

Il grande vantaggio di un meeting basato sulla realtà virtuale è la gamma ben più ampia di cose che è possibile mostrare e su cui è possibile discutere e prendere decisioni. Ad esempio, se è richiesto un coordinamento in campo tecnico, durante una riunione basata sulla VR ci si può confrontare in modo interattivo visualizzando direttamente l’oggetto in questione, sia che si tratti di un singolo componente, di un motore o di un intero impianto, prendendo quindi le relative decisioni. In effetti, la realizzazione di prototipi fisici, con tutte le iterazioni che essa comporta, rappresenta una delle fasi più impegnative di un processo di sviluppo e può ritardarne la conclusione di settimane o anche mesi.

Dal momento che questo aspetto riguarda soprattutto l’industria automobilistica e l’impiantistica industriale, al momento sono proprio questi due settori a utilizzare maggiormente la collaborazione in realtà virtuale e a dare più impulso al suo sviluppo. Integrando visualizzatori CAD nella soluzione di conferenza mediante VR è possibile trascinare e posizionare oggetti all’interno dello spazio virtuale e interagire così in piena libertà. Le funzioni di editing permettono di effettuare attività come la misurazione di componenti, la produzione di sezioni trasversali e viste ai raggi X, la colorazione e la marcatura di pezzi senza dover impiegare tempo a ricreare ogni volta un prototipo vero e proprio.

In un processo di sviluppo costituito da innumerevoli piccoli passaggi e aggiustamenti diviene così possibile sostituire e definire efficacemente tante tappe fisiche. Le funzioni di registrazione e documentazione di una soluzione per riunioni in realtà virtuale consentono ulteriori risparmi sui costi e velocizzano i processi decisionali, dal momento che non tutti gli interessati devono trovarsi nello stesso luogo allo stesso momento. Un ulteriore vantaggio, non trascurabile, è che le minori trasferte di lavoro non fanno solo risparmiare grandi quantità di tempo e denaro, ma contribuiscono anche in modo significativo a salvaguardare l’ambiente, soprattutto se in questo modo è possibile evitare i viaggi in aereo.


Tutti i vantaggi in sintesi:

In sostanza, la collaborazione basata sulla realtà virtuale rappresenta una modalità di lavoro moderna e innovativa, che offre ai team decentrati l’opportunità di comunicare attraverso una piattaforma comune e in uno spazio virtuale condiviso, permettendo loro di interagire in modo pressoché naturale.

La crescente diffusione della tecnologia dà origine a sempre nuovi scenari di utilizzo. Per questo i virtual worskspaces trovano ormai impiego, oltre che in campo automobilistico e ingegneristico, anche in settori come l’edilizia, le arti, l’architettura, la medicina e la formazione.

  • Possibilità di indire riunioni anche con breve preavviso
  • Incremento fino al 25% dell’attenzione grazie alla maggiore interazione e partecipazione
  • Riduzione del numero di viaggi di lavoro
  • Risparmio di tempo e denaro
  • Riduzione del numero di modelli e prototipi fisici.

Infinity Reply è l’azienda di servizi professionali del Gruppo Reply specializzata in soluzioni XR innovative. Infinity Reply è un’impresa indipendente dalla tecnologia e interprofessionale che offre ai clienti soluzioni XR specifiche, ottimizzate sulla base di use case specifici e delle rispettive condizioni generali. Il portafoglio di Infinity Reply copre ambiti quali consulenza, design e sviluppo, produzione di contenuti, distribuzione e supporto di soluzioni XR.